Tag

, , , , , , , ,

Potrei fare un commento “dotto” ma, purtroppo i dati parlano da soli. Questa è una manovra liberista che lascia indenni i ricchi e fa pagare soltanto ai poveri e alla classe media. Tralascio le lacrime della ministra Fornero e i provvedimenti sulle pensioni. Questi provvedimenti meriterebbero un post a parte.

Dividerei la manovra in “veri” provvedimenti e provvedimenti “di facciata”.

I provvedimenti veri sul versante delle tasse sono l’aumento della addizionale Irpef all’1,23%, l’ICI viene sostituita da una imposta municipale e si applica anche sulla prima casa. Rivalutazione degli estimi catastali del 60%, aumento dell’IVA al 23% (a partire dal 1° settembre 2012). Tracciabilità delle spese sino a 1000 euro.

I tagli sono stupidi e lineari esattamente come quelli di Tremonti: tagli alle regioni per un totale di 3,1 miliardi, tagli per 1,4 miliardi ai comuni con più di cinquemila abitanti e per quelli superiori ai 1.000 a partire dal 2013. Riduzione dei trasferimenti alle Province di 415 milioni. Bollo allargato ai depositi titoli, alle polizze vita, ai fondo mobiliari.

Poi ci sono i vergognosi provvedimenti di facciata per far contento il popolo: imposta erariale su elicotteri e aerei privati, bollo sui capitali scudati di un ridicolo 1,5%, tassa sulle auto con potenza superiore ai 170Kw (ossia 218 cavalli).

Infine la dimostrazione che questa manovra serve solo alle banche è il provvedimento che prevede la garanzia sulle banche di durata variabile dai 3 mesi ai 5 anni. Addirittura la garanzia si estende sino ai 7 anni per le obbligazioni bancarie. Si garantiscono le banche che ci hanno rovinato con i soldi dei cittadini.

Non c’è nessuna patrimoniale sui redditi più alti. Solo le buffonate delle autoriduzioni dello stipendio di Mario Monti.

Questa manovra da macelleria sociale potevano vararla benissimo cinque ragionieri. Si tratta di una manovra vecchio stie. Non si parla realmente di lotta all’evasione, di lotta alle mafie, di rilancio del turismo o delle Università. Ci sono solo 17 miliardi di tasse e 13 miliardi di tagli. L’aumento dell’IVA è destinata a comprimere ancora di più i consumi. Ciò che più mi indigna è che le rendite finanziarie sono tassate al 20% e quelle sul lavoro al 36%. Se la tracciabilità sino ai 1000 euro è l’idea geniale di Monti per combattere l’evasione significa che non c’è la convinzione di poter recuperare i 120 miliardi di euro che ogni anno vengono sottratti al fisco.

Il resto è fuffa e stupidaggini: la oppressione dell’Agenzia per la sicurezza nucleare, dell’agenzia per il terzo settore, dell’agenzia per la diffusione delle tecnologie per l’innovazione, dell’ente nazionale per il microcredito e dell’autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza non spostano nulla.

Questa manovra non è equa. Si tratta di una manovra stupida e primitiva. Fatta solo per salvare le banche. Una manovra che colpisce i pensionati e premia gli evasori. Non c’è nulla di diverso dalla prima manovra tentata in Grecia più di un anno fa. Una manovra che ci porterà in recessione e aggraverà la crisi.

Annunci